Gazeta-Prawna  Come risulta dal rapporto della società di consulenza Deloitte, elaborato sulla base del volume di vendite per il 2012, nove delle dieci maggiori società di costruzione europee lavorano in Polonia.  Il rapporto prende in considerazione le 50 maggiori società europee del settore, di cui solo due sono polacche: la Budimex e la Polimex-Mostostal. Budimex, di cui il maggior azionista è la spagnola Ferrovial, si posiziona al 40° posto del ranking: le sue entrate per il 2012 sono state pari a 1,4 miliardi di euro. Polimex-Mostostal invece occupa l’ultimo posto della classifica: lo scorso anno ha avuto vendite pari a di 982 milioni di euro. Leader europeo si conferma l’azienda Vinci, titolare di due aziende presenti in Polonia, Warbud e Eurovia. Le entrate provenienti dalle vendite del colosso francese nel 2012 sono state pari a 38,6 miliardi di euro e il suo reddito operativo aziendale nel rispettivo periodo è ammontato a 3,7 miliardi di euro. La seconda e la terza posizione nell’elenco spettano rispettivamente alla spagnola ACS (titolare delle società costruttrici di strade Dragados e Pol-Aqua, operanti in Polonia) e la francese Bouygues (uno dei più importanti costruttori edili in Polonia). L’unico tra i dieci leader europei a non essere presente in Polonia è la britannica Balfour Beatty. Le altre aziende “top”, che, va sottolineato, operano anche in Polonia, sono Hochtief, Skanska, Eiffage, Colas, Strabag e FCC. Questi dati sono in linea con il fatto che negli anni 2008-2012 la Polonia ho realizzato il più imponente programma di costruzioni di strade dell’Ue, attirando i maggiori “player” del settore. Come riportato da Deloitte, nel 2012 le maggiori aziende di costruzioni hanno registrato un incremento complessivo delle entrate pari al 7%, fino a 336 miliardi di euro. 

Fonte: Polonia Oggi, 2 settembre 2013