rzeczpospolitaTra il 2012 e il 2013 la multinazionale Nestlè ha speso 2,7 miliardi di zloty per l'acquisto di materie prime provenienti dalla Polonia, cifra considerevole che rappresenta il 70% del budget speso per gli acquisti di materie prime. Attualmente Nestlè collabora con circa 6 mila aziende polacche, dalle quali acquista

non solo prodotti agricoli ma anche prodotti per il packaging. Barbabietole, carote e mele sono tra le materie prime che la Polonia fornisce alla multinazionale svizzera che, nel 2013, ha acquistato quasi il 100% di frutta e verdura fresca proprio in Polonia. Il successo della collaborazione è dovuto principalmente all'alta qualità delle materie prime, fondamentale per garantire la sicurezza della linea di prodotti per neonati e bambini. La multinazionale svizzera è attiva anche sul fronte della ricerca e sviluppo con numerosi studi e analisi sul terreno polacco, al fine di aumentarne la produttività e incrementare quindi ulteriormente l'agricoltura del Paese.

Ekonomia.rp.pl, 25 novembre 2014