Il valore del mercato al dettaglio della pizza surgelata in Polonia è di 350 Mln di zloty e, nel 2016, è cresciuto di oltre il 20% rispetto all’anno precedente. Tra tutte le categorie di prodotti surgelati la pizza è quella che ha registrato il più alto tasso di crescita nell’ultimo periodo, fino a diventare il terzo maggiore segmento nel vasto panorama dei surgelati, superata solo dal gelato e dalla verdura. I dati dimostrano come la popolarità della pizza surgelata in Polonia sia in costante crescita, sempre più apprezzata dai consumatori alla ricerca di piatti pronti che ben si adattino ai nuovi incalzanti ritmi di vita, e molto amata in particolare dai più giovani, per i quali rappresenta ormai un elemento fisso nel menù.

I produttori polacchi di prodotti surgelati a base di farina stanno iniziando a sperimentare nuovi sapori, spinti in particolar modo dell’amore dei consumatori polacchi per la cucina internazionale.
E' il caso, ad esempio, dei tradizionali “Pierogi”, ravioli polacchi a base di acqua e farina, ripieni di crauti e funghi, carne oppure formaggio. Benchè questi restino tra i prodotti preferiti dal mercato, negli ultimi tempi stanno subendo una metamorfosi e sempre più produttori stanno introducendo nuove opzioni per quanto riguarda il ripieno, sulla scia della crescente popolarità della cucina internazionale tra i polacchi, in particolare tra i più giovani.

Schermata 2017 01 17 alle 16.39.47

Un nuovo spettacolare grattacielo chiamato "Varso Tower" è in fase di costruzione a Varsavia. Con i suoi 310 metri di altezza, una volta ultimato diventerà il grattacielo più alto della Polonia, battendo il record attualmente detenuto dal Palazzo della Scienza (237 metri di altezza), sempre a Varsavia. Varso Tower, la cui superficie calpestabile supera i 140.000 mq, è pensato per diventare la sede di molte imprese nazionali e internazionali, ma funzionerà anche come spazio aperto al pubblico, con una grande terrazza panoramica dalla quale si potrà ammirare tutta la capitale polacca e un ristorante con vista situato tra il 46° e il 47° piano, oltre a negozi e caffè situati al piano terra.
Lo studio Foster + Partners di Londra, che ha realizzato il progetto, ha lavorato per creare un nuovo polo in grado di attirare sia le imprese che i cittadini e i turisti proprio nel cuore di Varsavia.

forsal

Il "Bloomerang Innovation Index", la classifica dei Paesi più innovativi del mondo pubblicata martedì da Bloomerang, ha premiato gli sforzi e gli investimeni fatti dalla Polonia durante lo scorso anno. Il Paese è infatti salito di un gradino rispetto alla classifica precedente e si è quindi piazzato al 22° posto, superando l'Italia 24° in classifica. Il primo posto tra i Paesi più innovativi spetta ancora una volta alla Corea del Sud, seguita dalla Svezia e dalla Germania. La classifica è stilata tenendo in considerazione 7 fattori: la percentuale di spesa dedicata alla ricerca e sviluppo, il Pil, la produttività, la quantità di brevetti, il numero dei ricercatori, la percentuale di aziende operanti in settori tecnologicamente avanzati e l'efficienza del terziario. La Polonia risulta davanti anche agli altri Paesi dell'Europa centro-orientale: l'Ungheria è al 27° posto, mentre la Repubblica Ceca al 28°.

Fonte: Forsal.pl 19 gennaio 2017

I nuovi ritmi di vita e lavoro e la necessità di alimenti sani ma al contempo rapidi e semplici da preparare hanno spinto le vendite dei prodotti surgelati a base di verdure. Tra i prodotti surgelati più venduti nell'ultimo periodo in Polonia vi sono, infatti, le verdure da spadellare, le minestre e in generale i piatti pronti a base di verdura.
Un numero sempre maggiore di consumatori è attento a scegliere cibi sani e naturali ed è ormai consapevole che il congelamento è una modalità di conservazione degli alimenti sicura e affidabile. Nel corso dell'ultimo anno il mercato dei prodotti surgelati è cresciuto del 5,8% in termini di volume e del 7,4% in valore. I consumatori polacchi spendono oltre 770 Mln di Zloty all'anno per comprare 92 Mln di kg di verdura e frutta surgelata, usata da oltre il 70% delle famiglie per la preparazione dei propri pasti.